ECOMUSEO

Che cos'è un Ecomuseo?

Un Ecomuseo è qualcosa che rappresenta ciò che un territorio è, ciò che sono i suoi abitanti a partire dalla cultura viva delle persone, dal loro ambiente, da ciò che hanno ereditato dal passato, da quello che amano e che desiderano mostrare ai loro ospiti e trasmettere ai loro figli.

Hugues de Varine


[e·co·mu·ṣè·o] sostantivo maschile. Istituzione che si occupa di studiare, tutelare e far conoscere la memoria collettiva globale di una comunità delimitata geograficamente e il suo rapporto storico e attuale con le risorse ambientali del territorio.

Questa la definizione di Ecomuseo: un'idea che si basa sullo sviluppo della comunità all'interno del suo territorio. Questo termine è stato creato dall'antropologo francese Hugues de Varine, il padre fondatore della Rete Europea degli Ecomusei, ed è stato inizialmente concepito come un modo per preservare il patrimonio culturale delle comunità rurali in un momento in cui era stato messo in pericolo dall'urbanizzazione e dal cambiamento sociale.
Un Ecomuseo serve la comunità e appartiene alla comunità. È un processo dinamico con cui le comunità custodiscono, interpretano e valorizzano il loro patrimonio per creare un modello di sviluppo sostenibile.
Per prendersi cura di qualcuno o di qualcosa servono conoscenza e affetto. Un Ecomuseo è un nuovo concetto che permette alle persone di prendersi cura del proprio passato, trasportarlo nel presente e sostenere uno sviluppo futuro. Rispettare e conoscere il passato è la vera essenza dell'Ecomuseo. Come afferma Hugues de Varine: "Lo sviluppo è sostenibile, quindi reale, solo a patto che viva in armonia col patrimonio culturale e contribuisca alla sua vitalità e crescita. Di conseguenza, è impossibile che ci sia sviluppo senza una partecipazione vera, attiva e consapevole da parte della comunità che detiene il patrimonio".