La Mostra

Ti racconto una cosa...del primo giorno di scuola

Ti racconto una cosa...del primo giorno di scuola

Il mio primo giorno di scuola non è stato come per tutti i miei coetanei, il 1 ottobre 1960, bensì un giorno della settimana successiva perché ero via, in quel periodo, con i miei genitori. Ricordo che la mamma mi accompagnò su per una scala ripida che portava al primo piano della casa di Bissi*. La maestra, la signora Pina Fattorini**, ci accolse con ...

Leggi tutto
Ti racconto una cosa...del primo giorno di scuola

Ti racconto una cosa...del primo giorno di scuola

Poche cose ho portato, perché ho pochi ricordi di un momento così lontano, ma ancora ricorrente negli incubi notturni o diurni. Ma poca roba anche perché di quel lontano periodo non mi è rimasto quasi nulla. Sono nato ancora in piena guerra ed il primo giorno di scuola fu indimenticabile. Prima elementare: collegio San Luigi, tanti alunni (quasi quaranta), ...

Leggi tutto
Ti racconto una cosa...del primo giorno di scuola

Ti racconto una cosa...del primo giorno di scuola

Ho portato i portainchiostro che tenevo a casa, sulla mia scrivania. Si scriveva con il pennino all'epoca. A scuola invece, ogni bambino aveva il suo banco e il suo portainchiostro; ricordo bene che la bidella ce li riempiva ogni mattina, e che guai combinavamo! Forse per questo i grembiuli erano neri? Poi alle medie invece...penne biro...a 35 lire ...

Leggi tutto
Ti racconto una cosa...del primo giorno di scuola

Ti racconto una cosa...del primo giorno di scuola

Settembre 2001 Primo giorno di scuola di prima elementare I genitori ci accompagnarono ai nostri banchi tra foto, abbracci e saluti, per poi lasciarci con le nostre nuove e bravissime maestre. Le bambine sedute di fianco a me quel giorno, in maniera casuale, divennero poi mie grandi amiche. Carolina Cecchini

Leggi tutto
Ti racconto una cosa...del primo giorno di scuola

Ti racconto una cosa...del primo giorno di scuola

Ho fatto l'Istituto per Geometri al Valturio di Rimini. Scelsi questa scuola perchè ero orfano di padre ed i miei zii, col nonno, erano muratori e avevano la loro ditta. Mi piaceva molto la matematica, facevo gli esercizi velocemente, così poi potevo correre fuori a giocare a pallone. L'anno del diploma, su trenta ammessi, fummo promossi in sei, ...

Leggi tutto